Investors

Scopri chi ha creduto in noi

MAIL BOXES ETC

www.mbe.it

 

Fondata a San Diego, in California nel 1980, Mail Boxes Etc. è stata introdotta in Italia nel 1993 da Graziano Fiorelli che acquisì da UPS la licenza del marchio. Dall’apertura del primo Centro pilota a Milano nel 1992 ad oggi la Rete italiana è arrivata ad oltre 500 Centri Affiliati. Tra il 2000 e il 2003 MBE Italia ha acquisito anche la licenza esclusiva del marchio Mail Boxes Etc. anche per Spagna, Germania e Austria.

Nel 2009 l’italiana MBE Worldwide – società interamente posseduta dalla famiglia Fiorelli – ha acquisito dalla statunitense MBE Inc., a sua volta posseduta da UPS Inc., tutte le attività Mail Boxes Etc. a livello mondiale (con eccezione di Stati Uniti e Canada rimasti in capo a MBE Inc.), diventando quindi titolare del marchio, del business format e di tutti i contratti di Master Franchising esistenti a livello mondiale.

Nell’ultimo decennio il portafoglio di prodotti e servizi MBE si espande alle vendite online di spedizioni, grafica e stampa, accessori per stampanti (cartucce/toner con marchio “MBEPrint”), prodotti fotografici per ufficio che permettono all’azienda di crescere fino a circa 1.600 sedi in quattro continenti. Ricavi aggregati di Rete superiori a 400 milioni di Euro.

CLUB DIGITALE

www.clubdigitale.it

 

Club Digitale, studiato da SiamoSoci, si propone di contribuire alla crescita del digitale in Italia, fornendo alle migliori Startup sul territorio i capitali necessari allo sviluppo del business.

Club Digitale acquisisce partecipazioni nel capitale di una selezione di Startup che stanno completando un processo di accelerazione d’impresa presso gli incubatori partner del progetto.

Gli acceleratori sono fatti da imprenditori di successo nel mondo del digitale e delle tecnologie, e grazie a questa esperienza rappresentano oggi dei centri di eccellenza nello scouting, selezione e supporto alle Startup innovative a contenuto tecnologico. Il meccanismo di Club Digitale da una parte semplifica l’accesso al capitale di rischio per le Startup, e dall’altra consente ai soci di beneficiare di un segmento economico che presenta un tasso di crescita elevato.

CLUB ITALIA INVESTIMENTI 2

Dal 2008 investe nei centri di eccellenza italiani, partecipando a decine di comitati investimento e valutando centinaia di business plans. In questi anni Club Italia Investimenti ha mappato le competenze e analizzato le necessità delle startup per costruire un network di persone ed istituzioni che credono nell’Italia e nell’innovazione. Da questa importante esperienza sul campo è nata l’idea di CII2, un veicolo che rende agevole l’accesso al capitale di rischio da parte delle startup. Queste vengono selezionate dagli Acceleratori partner, con i quali sono stati siglati protocolli d’intesa, e Cii2 ne acquisisce tra il 10% ed il 15% del capitale a fronte di 50.000 euro, necessari per completare la prototipazione del prodotto o del servizio e per l’acquisizione dei primi clienti. Una volta entrato nel capitale, Cii2 affianca la startup nella ricerca di capitali di seed, tipicamente tra 150.000 e 500.000 euro, aiutandola a presentarsi con le metriche idonee e con un business model credibile, supportato dai primi contratti e dai primi clienti.

TORINO SOCIAL INNOVATION

www.torinosocialinnovation.it

Torino Social Innovation è il programma della Città di Torino per sostenere la nascita di imprese in grado di rispondere a bisogni sociali emergenti in campi diversi (dall’educazione al lavoro, dalla mobilità alla qualità della vita, dalla salute all’inclusione sociale) e trasformare idee innovative in servizi, prodotti, soluzioni in grado di creare al tempo stesso valore economico e valore sociale per il territorio e la comunità.

Il programma è supportato da un ampio ecosistema di partner pubblici e privati, che riunisce diverse competenze ed esperienze per creare sinergie, aumentare l’impatto e la capacità di intervento e costruire occasioni di dialogo per diffondere la cultura dell’innovazione sociale.

Gli obiettivi di Torino Social Innovation, in sintesi:

  • Promuovere la cultura dell’innovazione sociale
  • Supportare processi di creazione di comunità creative
  • Sostenere lo sviluppo di nuove forme di economia collaborativa
  • Facilitare lo sviluppo di progetti imprenditoriali per un’economia di mercato più dinamica, inclusiva e sostenibile.

In particolare per l’ultimo obiettivo è stata elaborata la misura FaciliTo Giovani e Innovazione Sociale, che si concretizza in un percorso di accompagnamento alla nascita dell’impresa e in azioni di sostegno finanziario.

I3P

www.i3p.it

I3P è il principale incubatore universitario italiano e uno dei maggiori a livello europeo. Nel 2014 I3P si è classificato al 5° posto in Europa e al 15° al mondo nel ranking UBI Index (University Business Incubator), la classifica annuale degli incubatori universitari realizzata dalla svedese Ubi Index (University Business Incubator) che ha preso in esame 300 incubatori di 67 paesi, valutandone l’attrattività e la creazione di valore per l’ecosistema e per i clienti.

I3P favorisce la nascita di imprese innovative in ambito tecnologico e sociale con validata potenzialità di crescita, fondate sia da ricercatori universitari sia da imprenditori esterni, fornendo loro spazi attrezzati, servizi di consulenza e professionali per avviare la propria attività imprenditoriale e un network di imprenditori, manager e investitori.

Fondato nel 1999, I3P è situato nella Cittadella Politecnica e ad oggi ha avviato oltre 200 start up che hanno saputo mettere a frutto i risultati della ricerca in diversi settori – ICT, Cleantech, Medtech, Industrial, Elettronica e automazione – e in ambito Social Innovation.

Dal 2011, I3P ha lanciato TreataBit, un percorso di incubazione dedicato ai progetti digitali rivolti al mercato consumer, quali soluzioni di e-commerce, social networking, applicazioni web e mobile. Ad oggi, il Treatabit ha supportato oltre 270 idee d’impresa, di cui oltre 170 progetti sono online e circa 100 sono diventate impresa.

Mediamente, ogni anno I3P riceve oltre 350 idee imprenditoriali, lavora su almeno 150 business plan e progetti “digitali” e avvia circa 30/35 nuove start up innovative.

Promotore di importanti iniziative per il trasferimento tecnologico, l’incubazione e la crescita di impresa, l’attività di I3P si inquadra nelle strategie globali del territorio piemontese volte a sostenere la ricerca, l’innovazione tecnologica e la nuova imprenditoria.